GIARDINO ALL’ITALIANA, CASTELLO DI COLLOREDO

COLLOREDO DI MONTE ALBANO, UDINE, 2018

Le rose olezzano al sole, e spingono
dei loro esili rami il flessibile
intrico a cingere il sedil rustico
di fresca ombra propizio
[…]”
(Canti del Friuli – Sulla terrazza del Castello di Colloredo)

Un altro contesto eccezionale: un castello medievale sulle colline friulane, una volta proprietà della famiglia Nievo. Pesantemente danneggiato dal terremoto del 1976, il castello è attualmente oggetto di un complesso progetto di restauro architettonico, che comprende il ripristino del giardino storico sulla terrazza ovest, di cui restano visibili solo i profili in pietra. Il giardino, di ridotte dimensioni, si trova a ridosso delle mura del castello: un suggestivo e soleggiato muro in pietra ne addolcisce il microclima. Al lato opposto, lo sguardo corre libero sulle campagne.
Per il restauro dell’area, sottoposta a vincolo storico e paesaggistico, abbiamo ovviamente condotto ricerche che hanno spaziato dalle fonti scritte a quelle fotografiche. Identificate le specie principali, abbiamo proposto piccole varianti ed accorgimenti tecnici che contribuiranno a ridurre le esigenze manutentive dell’area in futuro, così come a minimizzare l’incidenza di problematiche di tipo fitosanitario. L’originale profilo in roccaglia verrà restaurato, i cordoli in pietra puliti e ricollocati; l’attuale prato sarà sostituito da ghiaia, come in origine. Vicino alla grande chioma del Cedrus libani pianteremo quindi Taxus baccata topiati a cono, rose bianche rifiorenti (Rosa ‘Aspirin’), Agave americana e Musa basjoo, per ricreare esattamente quel sapore esotico ed eclettico di inizio novecento che aveva inizialmente ispirato i giardinieri responsabili di questo luogo.

Close
Go top